Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Lunedì 18 Dicembre 2017

i più apprezzati

  • PENNE E PORCHETTA PER ACCOGLIERE IL NUOVO VESCOVO

    Dal blog di Live Gubbio
    referendum_acqua

    Gli anni passano....Umbra Acque resta...purtroppo per NOI!!!

    Dal blog di alessandro morini
    Bandiera italiana

    Una storia che meriterebbe l'attenzione della stampa nazionale. O no?

    Dal blog di Fabio Graziani
  • PD, "RESPONSABILI PER GUBBIO" ALL'ATTACCO

    Dal blog di Live Gubbio

    PD, L'ANALISI DEL COORDINAMENTO PER IL CONGRESSO

    Dal blog di Live Gubbio
    Gubbio visuale dal teatro romano

    GUBBIO CHE SARÀ

    Dal blog di Francesco Gagliardi
    Live Gubbio

    VIA DELLA REPUBBLICA, PROTESTA IN ARRIVO

    Dal blog di Live Gubbio
  • MADONNA DEL PONTE, CHIESA IN MEZZO AL GUADO

    Dal blog di Live Gubbio
    Live Gubbio

    PROTESTA RIENTRATA DOPO INCONTRO CON IL COMUNE

    Dal blog di Live Gubbio
$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Francesco Gagliardi

Dal Blog di

Francesco Gagliardi

Postato il: 2017-03-17 alle 13:13:37

Tags:

L'ACQUA CALDA

Gubbio visuale dal teatro romano

Politica

Ho letto la bozza del documento redatto dall'architetto Leopoldo Fryerie, che sarà la base per la discussione degli incontri fissati a Gubbio per il 7 e 8 aprile sulla rigenerazione urbana, e - con tutto il rispetto immaginabile e possibile - mi sembra la scoperta dell'acqua calda. Partendo dalla considerazione, scontata, che Gubbio è bella, è infarcito di tutto un elenco di "si potrebbe" questo e "si potrebbe" quello. Dal recupero dell'ex Mattatoio quale centro di ricerca, al recupero delle ex Orfanelle quale incubatore per nuove professionalità, passando per l'ex palestra di San Pietro quale mercato a chilometro zero, eccetera, eccetera. È un lavoro accademico fine a sé stesso, perché completamente avulso dalla realtà e dal contesto socio-economico eugubino. Servirà certamente a riempire i giornali ed i servizi della televisione locale, diciamo, per un mesetto circa, già a partire da questa sera. Ma, alla lunga, finirà per essere un libro dei sogni, inutilmente riposto su qualche scaffale di Palazzo Pretorio. Perché Gubbio e gli eugubini non hanno bisogno di aprire gli occhi sulle potenzialità del territorio, ma hanno bisogno di comprendere con quali risorse poterle realizzare. E, naturalmente, né la bozza dell'architetto Fryerie, né il simposio del 7 e dell'8 aprile contengono nessuna delle risposte necessarie. Il 30 marzo ci ritroveremo a discutere il bilancio comunale che, nonostante le tasse al massimo, non ha riserve per gli investimenti. L'amministrazione presenterà un altro libro dei sogni, fatto di 32 milioni di euro di opere pubbliche entro il 2019. E così procedendo, continueremo a raccontarci le "picciafavole", quelle che non servono neanche ad addormentare i bambini.

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it